«

»

Nov 20

Pina è in cammino con noi verso gli ultimi

Pina è in cammino con noi verso gli ultimi

Pina Ziani è stata l’anima ispiratrice della vita di Annalena e cofondatrice del Comitato di cui è Presidente Onorario.
Il funerale sarà sabato 23 novembre con partenza alle ore 9,45 dalla Camera Mortuaria dell’Ospedale Pierantoni e S.Messa a S.Paolo. 

Pina

BIOGRAFIA MINIMA

     Pina Ziani nasce a Dovadola il 7 settembre 1924,  dopo  la sorella Maria Laura.

     Entrambe frequentano le scuole magistrali  presso il collegio Santa Chiara di Faenza e successivamente si laureano in lettere all’Università di Firenze.

     Pina insegna presso vari istituti di Lugo, Forlì e Forlimpopoli.

     Nel 1962, assieme ad Annalena Tonelli e Annamaria Giannini,  è una delle promotrici delle attività avviate a Forlì da un gruppo di giovani laureati e studenti universitari cattolici sui problemi della fame nel mondo, da cui nel 1963 nasce il “Comitato per la Lotta contro la Fame nel Mondo”.
     Assieme alla sorella crea uno stretto legame tra il volontariato di Forlì e quello di Faenza per la lotta contro la fame  (campi Emmaus nel 1966 e 1972 a Faenza, 1967 e 1989 a Forlì, spesso con la presenza dell’Abbè Pierre – ideatore di questi campi di lavoro).

     Nel 1964, mentre la sorella continua ad operare a Faenza,  decide di andare ad insegnare in Africa, seguita dopo poco anche da sua madre Teresa e rimangono a Mogadiscio per quattro anni; l’esperienza dell’Africa la tocca nel profondo  (v. lettera dall’isola Alessandra!).

     Nei periodi di vacanza scolastica africana si reca presso missionari in Kenia a contatto dei popoli più poveri senza sottrarsi ai compiti più duri… come racconta la nipote Cristina: “ Mi è rimasto impresso il racconto di quando fece nascere un bambino in una capanna… non aveva mai visto farlo, ma fu costretta dalla situazione disperata in cui si trovò”.

     Nel 1966 fa ospitare da alcune famiglie di Forlì e Faenza alcuni ragazzi somali perché possano studiare fino al diploma.
     Al ritorno in Italia, nel 1968, ritorna a insegnare alle magistrali di Forlimpopoli, ma dopo qualche anno lascia e decide di dedicarsi interamente, assieme alla sorella, alle attività contro la fame nel mondo.

     Crea l’attività di invio di medicinali a missioni e ambulatori di ogni parte del terzo mondo, organizza concerti per la raccolta fondi e mostre di sensibilizzazione sui problemi della fame; attiva progetti con i missionari del Pime, i Saveriani, la Croce Bianca, i gruppi missionari parrocchiali.

     Si muove instancabilmente dovunque sente che c’è sofferenza e bisogno; nel 1974 con sua sorella è a Bombay da padre Torriani; nel 1977 è fra i terremotati della Turchia e del Friuli, nel 1978  tra i terremotati del Molise.
     Un’altra esperienza terribile è quella in Eritrea nel 1985 durante la guerra. Quando torna deve essere ricoverata per gravi problemi di salute derivati dallo stress di quella esperienza in cui ha visto  cose tremende.

     Collabora  con il “Comitato di Amicizia”  nato a Faenza e nel 1993 con Raffaele Gaddoni va per 40 giorni in Brasile a visitare varie missioni a Porto Alegre, San Paolo, fino in Amazzonia

     Nel 1998 è a Beirut, in Libano, con Maria Teresa e Vanni per incontrare Annalena in procinto di recarsi   …..a…..per….… .

     Negli anni continua a prendere contatti con  missioni in Brasile, Venezuela, vari paesi dell’Africa, India; oggi il Comitato opera in gran parte sui risultati dei suoi viaggi missionari specialmente per la spedizione di medicinali.

     Nel 2002, per ragioni di salute è costretta a rallentare la sua  opera al Comitato  e nel 2006 interrompe questo servizio;  il “suo” reparto farmaci continua tuttora, incrementato, a fornire un prezioso aiuto al grande mondo del bisogno.     

     Pina è Presidente Onoraria del Comitato per la Lotta contro la Fame nel Mondo che ha ritenuto così di rendere un piccolo riconoscimento alla sua instancabile attività fondatrice.

                                                                  (a cura della nipote Cristina Zauli)

Share